Le Cubbe  arabe nella campagna Siciliana 

Le Cubbe  arabe nella campagna Siciliana 

La Sicilia, pur se fedele a Roma, è stata storicamente un crocevia fra la chiesa d’oriente e quella d’occidente e soprattutto dopo la caduta dell’impero romano e le successive invasioni barbariche quando divenne territorio dell’Impero bizantino.

 

Nel 732 l’isola passò al patriarcato di Costantinopoli sino alla successiva occupazione musulmana della Sicilia.

 

La parola “cuba” ha una origine controversa ed è stata oggetto di studio. Secondo alcuni il termine deriva dal latino cupa (botte) e cupula (botticella) o dall’arabo kubba (fossa, deposito) o qubba (cupola), per altri direttamente dalla forma cubica dell’edificio. In siciliano si citano spesso le chiesette di campagna come cubole.

 

Le cubbe nella campagna di Mazara del Vallo sono molteplici e, molte di esse, ancora ben conservate.

 

Lasciando alle spalle il mare di Mazara del Vallo , percorsa la Via Salemi,  si imbocca la Strada Provinciale 50 in direzione Salemi.

Superato il baglio dei Giardini di Costanza, si arriva all’ingresso della strada che porta a Borgata Costiera.

 

Proseguendo per circa 5 Km, sulla sinistra vi è l’imbocco – non segnalato – della strada provinciale 62 che porta alla zona delle tre cupole, a CALAMITA VECCHIA.

A circa 4 km di distanza compare, ben visibile, il complesso dello stabilimento di una grande cantina vinicola.

 

Sul lato destro, giusto nel prato prospicente una costruzione in stile fascista , forse degli anni 30, assolutamente abbandonata vi sono le prime due cubbe.

 

La terza cubba è ben visibile, in una area privata e recintata, posizionandosi sul ciglio della curva della provinciale 62 che dalla precedente direzione di nord-ovest svolta verso  sud-ovest.

La cubba si trova giusto a sud-sud est del recinto dello stabilimento della cantina vinicola.

 

 

Proseguendo verso nord, sulla  SP 40, superata la zona di BORGO GAMBINE, a circa 3 km dallo stabilimento vinicolo, sulla sinistra vi è un casale e poi un grande impianto fotovoltaico.

 

Sul lato destro, opposto all’impianto fotovoltaico, fra i vigneti, vi è una prima cubba, eretta a circa 80 metri dal bordo strada.

Poco oltre, ma più a valle, a circa 180 metri dal bordo strada, vi è la seconda cubba.

 

Infine, a metà strada, sempre sulla SP 62, vi è la cubba di BORGO JUDEO.

Per accedervi è necessario imboccare una strada di campagna che porta al baglio abbandonato GUTAJA

 

L’imboccatura per accedere al baglio GUTAJA  si trova sul lato sinistro ad un solo km dopo lo stabilimento vinicolo, procedendo in direzione di Mazara del Vallo..

condividi su:

Next Post

IL "SUPER" MAGISTRATO DAVIGO AMMETTE: " NON SONO STATO IMPARZIALE"

Ven Mag 20 , 2022
    Quel giornalismo “schiavo dei PM, dei partiti collegati e dei sistemi poco chiari  che hanno sfruttato la lotta alla mafia solo per fini politici o di interesse ,cominciano ad accusare i colpi. Gli scrittori “portavoce” dei PM con acuta fantasia , non hanno il coraggio di parlare delle […]