Lavoro: Rinnovato il CCNL del settore ceramico “Confindustria – Fesica”

Lavoro: Rinnovato il CCNL del settore ceramico “Confindustria – Fesica”

La sigla del nuovo contratto è avvenuta dopo la condivisione con i lavoratori in assemblea

03 AGO 21 – E’ stato rinnovato il Contratto collettivo nazionale del comparto ceramico italiano tra Confindustria, Fesica Confsal – Cgil – Cisl – Uil – Ugl – Fialc Cisal e Failc Confail “per gli addetti all’industria delle piastrelle di ceramica, dei materiali refrattari, ceramica sanitaria, di porcellane e ceramiche per uso domestico ed ornamentale, di ceramica tecnica e tubi in gres”.

La sigla, avvenuta il 27 luglio scorso, è arrivata dopo le approvazioni nelle varie aziende di settore tramite le assemblee con i lavoratori. Un modello virtuoso di condivisione ed oggi “strumento” sempre meno frequente nei rapporti industriali. Il CCNL prevede un aumento a regime di 76 euro alla D1 distribuito in due tranche con le seguenti decorrenze per il comparto piastrelle: 32 euro dal 1° gennaio 2022, 13 euro dal 1° gennaio 2023. Per i comparti refrattari, sanitari e stoviglie le tranche sono così suddivise: 20 euro dal 1° gennaio 2022, 26 euro dal 1° gennaio 2023.

Sul versante della previdenza complementare l’accordo prevede un incremento del contributo al fondo a carico dell’azienda dello 0,20 per cento che per il settore piastrelle decorrerà dal 1° gennaio 2022. Per gli altri comparti l’incremento è così suddiviso: 0,1% dal 1° gennaio 2022, 0,1% dal 1° gennaio 2023. Sono stati inoltre previsti qualificati interventi sulla parte normativa insieme all’istituzione di due commissioni tecniche paritetiche: una sul sistema classificatorio e l’altra sul divisore orario, che avrà il compito di analizzare e proporre soluzione alle differenti interpretazioni sul tema.

 
condividi su:

Lascia un commento

Next Post

47° anniversario della strage dell'Italicus. CNDDU: le vittime aspettano ancora giustizia

Mar Ago 3 , 2021
Tra la notte del 3 e 4 agosto 1974 un ordigno esplose sul treno Italicus proveniente da Roma e diretto a Monaco di Baviera via Brennero, uccidendo 12 persone. Fu un’atroce carneficina che lascia impietriti e attoniti per i molteplici interrogativi connessi e mai svelati. Esecutori e mandanti, spesso associati […]