Operazione Artemisia: Il Gup di Trapani manda a giudizio 18 indagati tra cui Lo Sciuto ed Errante

Operazione Artemisia , loggia massonica segreta a Castelvetrano, rinviati a giudizio l’ex deputato Lo Sciuto e altri 17 imputati
Oltre a Lo Sciuto verranno tra gli altri processati l’ex presidente dell’ente di formazione Anfe, Paolo Genco, l’ex sindaco di Castelvetrano, Felice Errante

L’ex deputato regionale ed ex membro della commissione regionale antimafia Giovanni Lo Sciuto e altre 17 persone verranno processate a vario titolo per i reati di corruzione, induzione indebita, concussione, traffico di influenza illecita, truffa, falso, rivelazione di segreti di ufficio e violazione della Legge Anselmi sulle logge massoniche segrete nell’ambito dell’indagine sulla superloggia di Castelvetrano denunciata nel marzo 2019 dal blitz dei carabinieri coordinati dal procuratore reggente di Trapani Maurizio Agnello e dai sostituti Sara Morri e Francesca Urbani. Lo ha deciso il gup di Trapani Samuele Corso che ha rinviato a giudizio diciotto indagati dell’operazione Artemisia. Una loggia massonica segreta a cui appartenevano politici, funzionari Inps, poliziotti e soggetti vicini alle famiglie trapanesi di cosa nostra. Una rete che, secondo la Procura, attraverso decine e decine di false pensioni di invalidità si garantiva il consenso elettorale. Alla sbarra anche l’ex vice sindaco di Castelvetrano, Vincenzo Chiofalo i poliziotti Salvatore GiacobbeSalvatore Passanante e Salvatore Virgilio, il commercialista Gaspare Magro e altre otto persone.

Nell’inchiesta ci sono altri indagati, le cui posizioni però sono state trasferite ad altre procure anche se non sono stati comunicati gli esiti investigativi specifici

Condannato a 4 anni, con il rito abbreviato, Francesco Messina Denaro parente del boss che ha patteggiato

Appare poco chiaro l’esito della competenza territoriale sui reati commessi per diversi indagati.

Come si ricorderà, all’epoca degli arresti ci fu una forte disputa per le competenze relative all’inchiesta e furono coinvolti diverse persone . Per alcuni non si sa dio preciso che esito ha avuto l’indagine . L’operazione Artemisia nel 2019 :Giovanni Lo Sciuto, Paolo Genco, Gaspare Magro, Giuseppe Angileri,Isidoro Calcara, 55 anni, Salvatore Passanante, Salvatore Virgilio, 49 anni,Salvatore Giacobbe, Rosario Orlando, Giuseppe Berlino, Maria Luisa Mortillaro, Vincenzo Giammarinaro, Francesco Cascio,Adelina Barba, 48 anni, Sebastiano Genna, Giovanna Ivana di Liberto, Giuseppe Cammareri, Vincenza Daniela Lentini, Gaetano Salerno, Antonio Di Giorgio, Alessio Cammisa, Antonietta Barresi, 56 anni, Francesco Messina Denaro, Vincenzo Chiofalo, Tommaso Geraci, Felice Junior Errante, Luciano Perricone, Valentina Li Causi, Filippo Daniele Clemente, Arturo Corso, Gaetano Bacchi, Maria Zina Biondo

Fonte : Repubblica

condividi su:

Lascia un commento

Next Post

Davigo e la squallida via del giustizialismo forcaiolo che indebolisce la democrazia e protegge lobby di potere

Sab Mag 22 , 2021
l corvo e i falchi Il contrappasso di Davigo e la lezione per i giustizialisti italiani In nome della Giustizia di potere si sono aperte le porte a facili carriere ai tanti amici dei potenti che controllano interessi in vari settori della vita del Paese. Un sistema che ha protetto […]