Nota relativa alla sentenza del TAR Campania su chiusura delle scuole

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani rende noto che l’ordinanza regionale n.79/2020 con cui il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, chiudeva le scuole ed obbligava l’uso della DaD è stata ritenuta appropriata dal TAR Campania con i decreti n. 1921 e n. 1922.

Ricordiamo che la Regione Campania nella sua ordinanza ha sposato la tesi secondo la quale esista correlazione tra aumento dei casi di positività al COVID 19 e frequenza scolastica (verifica non limitatamente alla sede intrascolastica, ma anche riguardo ai contatti sociali necessariamente “indotti” dalla didattica in presenza) nonché della diffusività esponenziale del contagio medesimo.

In considerazione di quanto accaduto, pare evidente che le preoccupazioni espresse dal CNDDU non sia frutto di allarmismo ingiustificato. Per tanto si sollecita ancora una volta, visti i contagi della giornata del 19 ottobre (9.338 nuovi casi, 73 morti, terapia intensiva 797), i referenti istituzionali a voler rivedere globalmente i protocolli di riferimento e a tener presente i suggerimenti e le proposte che provengono da chi conosce molto bene disagi e dinamiche della realtà scolastica, in quanto quotidianamente impegnati nelle aule italiane. Siamo disponibili a eventuali incontri per discutere e confrontarci sui contributi forniti nei giorni precedenti. 

      prof. Romano Pesavento

          presidente CNDDU

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Infanzia: Save the Children, imperativo proteggere una generazione a cui il Covid-19 rischia di negare un futuro. Al via la Campagna "Proteggiamo i bambini. Whatever it takes"

Lun Ott 19 , 2020
Nel nostro Paese il numero di minori in povertà assoluta potrebbe aumentare considerevolmente, così come la dispersione scolastica, già al 13,5%. Nel mondo 1 bambino su 3 a rischio povertà a causa della pandemia; la mortalità infantile rischia di crescere del 45%; solo in Africa potrebbe morire di fame 1 […]