GióMARCONI – Fredrik VÆRSLEV. World Paintings – dal 23 Settembre al 30 Ottobre 2020

Image
Fredrik Værslev Pakistan, 2020 Spray paint and turpentine on cotton canvas / wooden stretcher 153.5 x 230 x 3.3 cm

GióMARCONI

presenta

Fredrik VÆRSLEV
World Paintings


dal 23 settembre al 30 ottobre 2020 

OPENING

martedì 22 settembre 2020

dalle 11 alle 21 su appuntamento 

GióMARCONI
Via Tadino, 20 – Milano

Orari mostra: 
dal martedì al sabato, dalle 11 alle 19, su appuntamento

 

THEY ARE THE WORLD, PART I
Dieter Roelstraete

 

Sebbene il germe dei World Paintings abbia attecchito per la prima volta nella mente di Fredrik Værslev dalla metà degli anni 2000 – l’occasione nacque allora dall’incontro fortuito con le bandiere dipinte in stile hard edge dall’artista svedese Olle Baertling che all’esterno del Moderna Museet di Stoccolma fluttuavano al vento – e sebbene Værslev abbia iniziato i suoi “flag paintings” più di due anni fa, è difficile pensare a una serie di opere in grado di cogliere, alla loro maniera semi-astratta e minimalista, le insolite scosse cosmiche di questo 2020, annus horribilis tra i peggiori, in modo più struggente e incisivo, soprattutto per l’impatto che questi radicali mutamenti hanno sortito sul business arciglobale e squisitamente cosmopolita dell’arte contemporanea.

I dodici dipinti oggetto della mostra “raffigurano” vari paesi del mondo di tutti e cinque i continenti: Bielorussia (dipinto eseguito, inutile a dirsi, molto prima che le agitazioni post-elettorali spazzassero via l’ultima dittatura pseudo-stalinista in Europa), Repubblica Turca di Cipro Nord (non un vero stato, in quanto non riconosciuto a livello internazionale), Inghilterra, Israele, Republica di Corea, Nauru, Pakistan, Panama, Seychelles, Trinidad e Tobago, e infine Uzbekistan. (Se questa selezione vi sembra casuale e spiazzante – ebbene, lo è. Se non fosse per il fatto, per nulla insignificante, che tutte queste bandiere, considerate sia da un punto di vista pittorico, sia da una prospettiva politica, contengono in sé il colore bianco: il bianco, tanto per cominciare, delle tele non trattate di Værslev.) Il significato delle opere d’arte è alquanto mutevole, naturalmente, ma val la pena riflettere sulla differenza che in appena sei mesi può esserci nella concezione, produzione e ricezione di queste stesse opere – contributo sobrio e diretto di Fredrik Værslev alla lunga storia della “flag art”, sacra e controversa al tempo stesso.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

FONDAZIONE ANTONIO DALLE NOGARE - OPENING TODAY: Robert Breer. TIME OUT - 12.9.2020 – 5.6.2021, Bolzano

Sab Set 12 , 2020
Fondazione Antonio Dalle Nogare Robert Breer  TIME OUTa cura di Vincenzo de Bellis e Micola Brambilla 12.9.2020 – 5.6.2021 Fondazione Antonio Dalle NogareRafensteiner Weg 19, Bolzano, Italy   La mostra personale di Robert Breer (Detroit, Michigan, USA, 1926 – Tucson, Arizona, USA, 2011) – dal titolo Time Out – ne ripercorre i sessant’anni di carriera […]