FIORAMONTI: “Venerdì 24 luglio lancio rete ecologista di sinistra progressista”.

“Venerdì 24 luglio lancio della rete ecologista di sinistra progressista dalle 13.00 alle 19.30 in diretta dalla mia pagina Facebook e sui siti di Radio Radicale, Left e Il Manifesto. La pandemia ha fatto incursione nelle nostre vite disseminando morte, paura, isolamento e la certezza di dover ripensare da capo le relazioni tra gli esseri umani, e tra gli esseri umani e il mondo che ci circonda.” Così dichiara in una nota l’On. FIORAMONTI (MISTO), già Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

“L’emergenza sanitaria ci ha messo con maggiore urgenza di fronte alla necessità di ricostruire senza tornare al vecchio mondo. Per questo – continua FIORAMONTI- , abbiamo proposto la costituzione di una rete tra parlamentari progressisti e del mondo dell’ecologia, sindaci e movimenti civici, reti della società civile e aziende innovative, che sia incentrata intorno a tre concetti: Ecologia, Sinistra e Progressismo, Innovazione civica, sociale e tecnologica”.

“L’ecologia in Italia storicamente si è caratterizzata per le battaglie finalizzate alla protezione dell’ambiente e degli ecosistemi. Ciò non è più sufficiente: l’ecologismo del XXI° secolo deve offrire una visione di politica economica, di transizione industriale e di ricostruzione del mondo del lavoro, accompagnando la trasformazione con forme di reddito e di sostegno laddove necessario. Abbiamo bisogno di un approccio all’ecologia che passi da una tradizione dei “no” ad una serie di proposte per i “sì” – quelli giusti”.

“Alla base di questa rete c’è la condivisione di tutti quei valori legati ai diritti fondamentali, alla dignità di tutti i cittadini, al rispetto delle diversità di genere, alla progressiva eliminazione delle disuguaglianze sociali”.

“Perché ciò avvenga è fondamentale tenere in considerazione le tante forme di aggregazione e di sperimentazione che stanno avvenendo nel nostro Paese, molto spesso a livello locale, nelle piccole aziende, nelle startup. Si tratta di nuovi modelli sia di partecipazione che di produzione e consumo, che costituiscono la base di una nuova economia”.

 “Ora è il momento giusto per agire. Dopo un proficuo confronto a porte chiuse tra attivisti, amministratori locali, membri del parlamento italiano ed europeo, rappresentanti delle istituzioni, siamo ora pronti ad aprirci ad una platea più ampia, coinvolgendo le associazioni e la società civile, per lavorare in sinergia verso obiettivi che consentano di concretizzare al più presto questa visione. La crisi economica e sociale che si prospetta ci stimola ad agire velocemente. Nei prossimi giorni sarà possibile sapere di più sugli autorevoli nomi che ci accompagneranno in questo percorso”- conclude infine l’ex Ministro.

 

 

condividi su:

Lascia un commento

Next Post

protesta vigili del fuoco- comunicato stampa. segreteria FNS CISL CT

Lun Lug 20 , 2020
COMUNICATO STAMPA Protesta Vigili del fuoco: 13 euro lorde di aumento, una vergogna.   Dopo decenni di profonde disparità economiche con gli altri Corpi di Stato, anche grazie alle rivendicazioni della FNS CISL, il Governo con il decreto “Semplificazioni” ha stanziato 165 milioni di euro per implementare le retribuzioni del […]