MANIFESTO CONTRO PIZZO E USURA, ANCHE LA CIDEC SICILIA TRA LE ASSOCIAZIONI FIRMATARIE

“A Palermo come nel resto della Sicilia, anche la CIDEC è in prima linea nel contrasto a qualsiasi forma di illegalità e ripudia il pizzo e l’usura, nella piena convinzione che le attività mafiose rendano asfittica l’economia, privando della dignità commercianti e imprenditori”: con queste parole, il presidente della Confederazione Italiana Esercenti Commercianti Sicilia Salvatore Bivona precisa che anche l’associazione di categoria, che annovera al proprio interno un elevato numero di ambulanti, figura nel novero delle organizzazioni firmatarie del Manifesto contro il racket, sottoscritto nei giorni scorsi da Agci Sicilia, Ance Sicilia, Casartigiani Sicilia, Confapi Sicilia, Confcommercio Sicilia, Confcooperative Sicilia, Confesercenti Sicilia, Conflavoro PMI Sicilia, CNA Sicilia, Confartigianato Sicilia, Confimprese Sicilia, Sicindustria, Legacoop Sicilia, Unci Sicilia e Unicoop Sicilia.

         “Abbiamo dato piena disponibilità all’adesione dal momento in cui ci è stata proposta   sottolinea Bivona –  ma, a causa di un mero errore di comunicazione, la nostra presenza non è stata evidenziata: ci scusiamo con i nostri associati, ribadendo tuttavia che i valori dei quali siamo da sempre promotori sono proprio quelli rappresentati dal Manifesto, ovvero rispetto delle regole, collaborazione con le forze dell’ordine e libertà dai condizionamenti imposti dalla mafia”.

         “La CIDEC – aggiunge  – sposa tutti i punti del Manifesto e si impegna anche a diffondere, sia tra i propri associati che attraverso i canali di comunicazione dei quali dispone, tutti i contenuti del documento”.

         “In questo momento di fortissimo disagio economico per i commercianti e gli imprenditori a causa delle conseguenze del Coronavirus conclude il presidente vogliamo ribadire loro la nostra vicinanza, invitandoli, semmai ve ne fosse bisogno, a scegliere sempre la legalità come unica strada possibile da percorrere”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

SCUOLA, FIORAMONTI: "Bene l'educazione allo sviluppo sostenibile e un miliardo in più per la Scuola, ma ancora non sufficiente per la linea di galleggiamento".

Sab Giu 27 , 2020
“Bene l’educazione allo sviluppo sostenibile e un miliardo in più per la Scuola, ma ancora non sufficiente per la linea di galleggiamento”. Così dichiara l’On. FIORAMONTI (MISTO), già Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.   “Ha ragione Zingaretti- continua Fioramonti-, bisognerebbe arrivare al 5% del Pil in investimenti per la […]