Vedova con figlio disoccupato chiede aiuto e il Sindaco la denuncia per calunnia

La donna presentò una lettera in prefettura con la quale chiedeva chiarimenti sui criteri di assunzione adottati dallo Sprar

Ha dell’increbile la storia di una donna di un paesino del palermitano, Roccamena, dove da qualche hanno è stato istituito uno Sprar, che accoglie una trentina di giovani donne migranti e bambini.

Non è solo solidarietà ma è anche un’occasione di lavoro per chi, nei paesi dell’entroterra in via di spopolamento, si aggrappa ancora ad una speranza.

Così una donna di Roccamena, vedova e con un figlio disoccupato, non sopporta che in questo Sprar siano stati assunti, per quello che sono le voci di paese, soltanto parenti degli allora amministratori comunali, assessori consiglieri e la moglie del comandate dei carabinieri .Che peraltro non hanno bisogno di lavorare, non essendo in condizioni precarie.

La donna, esasperata, decide di presentare una lettera in prefettura, dove chiede chiarimenti sui criteri di assunzione in questo Sprar e quindi se vi sia la possibilità di aiutare il figlio.

 

La prefettura di Palermo gira la lettera al Comune di Roccamena, chiedendo se intendesse prendere iniziative. Si immagina a favore della donna in difficoltà.

E l’allora sindaco le iniziative le prende subito. Ma non come ci si potrebbe aspettare. Invece di aiutare la donna decide di prendere carta e penna e stendere una formale denuncia per calunnia. Si per calunnia. Assurdo ma vero.

Perché nessuno aveva accusato né il sindaco né altri di alcun reato, ma vi era semmai la richiesta alle istituzioni perché potessero dare qualche sostegno.

Difatti arriva la richiesta di archiviazione del pubblico ministero, che con parole che tradiscono un qualche imbarazzo, spiega puntualmente che di calunnia non ce n’è neppure l’ombra. E ora cosa dirà l’ex sindaco di Roccamena?

 

Fonte: italyflash

 

One thought on “Vedova con figlio disoccupato chiede aiuto e il Sindaco la denuncia per calunnia

Lascia un commento

Next Post

Non è l'Arena, le due strane frasi di Luca Palamara: dallo studio di Massimo Giletti è partito un "pizzino"?

Lun Giu 1 , 2020
È andato in tv per difendersi, Luca Palamara. Travolto dalle intercettazioni, a Non è l’arena di Massimo Giletti ha provato a depotenziare parte delle polemiche anche in modo goffo, per esempio spiegando che quando dava della “mer***” a Matteo Salvini‌ intendeva altro, insomma la frase riportata dai media era fuori […]