SCUOLA: UN ESERCITO DI PRECARI

Ancora una volta, come sempre, si discute se mettere a concorso i posti di insegnanti nelle scuole.

       Mettere a concorso? Sì, ma quelli già assegnati ai “precari”, che assai poco precariamente li occupano da anni.

       Contro il dettato espresso della Costituzione, al pubblico impiego nell’insegnamento non si accede con pubblico concorso, ma è riservato a “precari” che, poi diventano stabili.

       I concorsi? Sì, tra i precari.

       Per ottenere il posto? No. Per conservarlo. E per giostrarsi le sedi. Così si “concorre” per posti già assegnati.

Si concorre sul modo di beffarsi della Costituzione. Salvo che nelle Università, (che richiederebbero discorso a parte), un esercito di precari occupa le Cattedre delle scuole pubbliche. In perenne agitazione: per ottenere la sicurezza di ciò che già hanno.

Credo che ben poche Cattedre di scuole primarie e secondarie siano mai state assegnate per reale concorso aperto a quanti abbiano titoli. Cioè un titolo lo devono avere: quello di occupare già il posto.

Scuola Italiana. Scuola di precariato.

Sì, battaglie, di professori, sindacati, etc. per ottenere ciò che si ha. Per non metterlo a portata di altri, che già non lo abbiano.

Così si impara ad andare avanti nella Repubblica Italiana.

E la scuola italiana, dove ingegneri eccellenti avrebbero potuto lasciare la loro impronta, ha dato il “movimento” con gli “esami politici”, e “oggi a scuola abbiamo fatto assemblea”.

Scuola per far fare un passo indietro alla cultura. Anzi: per escluderla.

In fondo ciò che essa produce è solo per un miracolo.

Forse questi miei giudizi sono il frutto di una mia scarsa dimestichezza con il mondo dell’insegnamento. Ma ho una sgradevole sensazione che i valori, le intelligenze, il lavoro di tanta gente si sprechi nelle scuole più che altrove.

Come sarebbe bello se sbagliassi di grosso!!!

 

                                                Mauro Mellini

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Palamara e le intercettazioni da passare agli amici giornalisti. Pm e "lecchini" proni e pronti al fango mediatico

Mer Mag 27 , 2020
A ogni giornale le sue intercettazioni Palamara  E poi ci hanno fatto credere per anni  che erano tutti puri e lindi. Sti cazzi! La consuetudine di far uscire dalle inchieste colloqui personali per generare conseguenze adesso si sta ritorcendo contro magistrati e giornalisti, scrive Francesco Cundari Si sa che in […]