CENTO E PIU’ DECRETI AL GIORNO

Evviva. Prima o poi col metodo italiano la spuntiamo sul Coronavirus e sulle sue conseguenze economico-finanziarie. Tutto sta nel non avere preoccupazioni di far troppi decreti e pare che in Italia questa preoccupazione non l’abbia nessuno.

I decreti ce ne stanno a bizzeffe e poi se ne fanno altri diversi e contrari non senza aver litigato per gli uni e per gli altri. Quando il virus sarà un ricordo, perchè tutto finisce a questo mondo, nessuno sarà in grado di calcolare quante pagine e pagine di decreti, ordinanze, sentenze interpretative, modifiche giudiziarie, interventi delle Corti di Cassazione e Costituzionali fa un decreto cui si dà già il nome del giorno del mese prossimo in cui dovrà uscire però per rimanere in vigore un altro mese, ma non si riesce a darlo alle stampe che già è passata la prima e la seconda data.

Se qualcuno di un altro pianeta vedesse quello che accade quà sentendo parlare di decreti e ordinanze direbbe che sono i passatempi dell’umanità condannata a morte per chissà quale sciagurata violenza dell’epidemia.

E nè oggi nè domani troverete qualcuno che abbia la noia di questo coacervo di norme e addirittura sappia indicare, con qualche approssimazione, quante e quali esse siano.

Stato, Regioni, Sindaci, tutti a sfornare le più stravaganti disposizioni. Si aprono i bar e qualcuno dovrebbe andare con la fettuccia metrica a misurare la distanza di un tavolo dall’altro.

Poi veniamo a sapere dei tavoli che li stanno mettendo anche nelle strade. Con la propensione che hanno gli italiani, ma poi diciamolo tra noi, un pò tutti i popoli, ad infischiarsene delle norme quanto più esse siano complicate e precipitosamente approvate per fare i propri comodi, c’è da ridere al pensiero di queste montagne di disposizioni che dovrebbero regolare le uscite di casa, le passeggiate, i viaggi, i passatempi degli italiani aggrediti dal Coronavirus.

Più volte abbiamo inteso parlare di una seconda fase in cui questo popolo di eroi, di Santi e di navigatori e di pazienti tolleranti di governanti incapaci e rompiscatole, sarebbe stato rimesso in libertà a ricostruire e a ridar vita ad una nuova Italia, a metterne in atto la ripartenza per una nuova storia, che l’hanno promesso nella fase seconda già diverse volte poi invece che di una fase si trattava di una frase, di una modifica di qualche questione sulla quale la lite era in corso.

E’ stato un finimondo quello creato dal Comune Calabrese che ha fatto a modo suo ed ha aperto i bar, magari in attesa di un pubblico che non arrivava perchè non poteva uscire di casa per mancanza di mascherine e di altre ammennicole.

Già, le mascherine. Per produrle devono uscir fuori gli operai e i lavoratori tutti armati di mascherina ma la mascherina non si trova e sulla mascherina dovremo pagare l’iva ed altre amenità.

Questo è l’aspetto più crudele, in fondo, di questa sciagurata vicenda della pandemia: il fatto di produrre situazioni comiche di cui non possiamo goderci la qualità e l’effetto perchè sembrano create per sfotterci.

Passerà, passerà anche questo ma non passerà, custodito chissà dove, il più terribile dei virus. Quello dei cretini della cretineria e della prepotenza.

                   Mauro Mellini

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

In arrivo dall’Europa il “Passaporto di ristrutturazione” degli edifici.

Gio Mag 14 , 2020
Programma europeo di riqualificazione energetica degli edifici e Recovery Fund: le osservazioni di Achille Colombo Clerici   La PROPOSTA DI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO sulla massimizzazione del potenziale di efficienza energetica del parco immobiliare dell’UE. Il commento del presidente di Assoedilizia, Achille Colombo Clerici : Massima efficienza energetica degli immobili […]