LAVORO, Fioramonti “Smartworking nella PA, nessun passo indietro.”

“Non è consentito nessun passo indietro nella Pubblica Amministrazione e nelle aziende sul processo di ammodernamento digitale del lavoro”. Così dichiara l’On. Fioramonti (MISTO), già Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

“Apprendo da alcuni organi di stampa- continua Fioramonti- che ci sarebbe in corso un ridimensionamento dell’utilizzo dello smartworking o lavoro agile, a seguito di nuove direttive da parte del Ministero della PA. Spero non sia vero”.

“È necessario invece aumentare i casi di smartworking prevedendo nuove garanzie nei contratti di lavoro, come giustamente chiedono i sindacati. Non possiamo permetterci di concepire il lavoro agile solo come una misura di emergenza. Si tratta invece di uno strumento di modernizzazione, che consente una migliore equilibrio tra vita e lavoro, una riduzione degli spostamenti (con effetti benefici per la salute e l’ambiente) ed anche una maggiore produttività (in media del 20%).”

“Non perda questa occasione la Ministra Dadone- conclude infine Fioramonti- per fare dello smart-working la bandiera di una rivoluzione culturale all’interno del sistema spesso inefficiente della nostra pubblica amministrazione.”

 

 

condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Coronavirus, Radicali: Lombardia boccia promozione turistica su app come Tinder. Usuelli: "Dibattito sessuofobico"

Gio Mag 7 , 2020
“Quella di +Europa-Radicali può essere considerata una proposta inusuale, ma non scandalosa: ho risposto alla richiesta di idee innovative per il rilancio della Lombardia con l’indicazione dell’opportunità di investire, nell’ambito della promozione turistica, anche sui social media e su app per incontri note a un pubblico ampissimo, molto utilizzate e perfettamente […]