CASA CIRCONDARIALE “BICOCCA” DI CATANIA, LA UILPA POLIZIA PENITENZIARIA CHIEDE UN’INCHIESTA

 “PROIETTATO UN FILM PRESSO LA SALA CINEMA, VIOLATE LE DISPOSIZIONI GOVERNATIVE”

Mancata osservanza delle disposizioni governative in materia di contrasto alla diffusione del Covid 19 presso la Casa Circondariale di Catania “Bicocca”.

A denunciarlo è Armando Algozzino, s. commissario nazionale della Uil Pubblica Amministrazione Polizia Penitenziaria che, in una nota trasmessa al Dipartimento Amministrazione Penitenziaria del Ministero della Giustizia e al Provveditorato regionale dell’Amministrazione Penitenziaria, chiede chiarezza in merito a un recente episodio verificatosi presso gli spazi della struttura.

 “Lo scorso 27 marzo – riferisce l’esponente sindacale – è stato proiettato un film presso i locali che ospitano il cinema all’interno della Casa Circondariale: un ambiente non sanificato e privo di ventilazione esterna ”.

 Secondo quanto raccontato da alcuni poliziotti penitenziari, l’iniziativa a favore dei detenuti sarebbe stata replicata anche nelle ore pomeridiane.

 “Un episodio gravissimo – afferma Algozzino – poiché, considerata l’emergenza sanitaria in corso, tutte le attività trattamentali che normalmente si svolgono negli Istituti sono state sospese a tutela della salute del personale e degli stessi detenuti: l’apertura della sala, in un momento così drammatico, non va certo nella direzione della prevenzione del contagio ”.

Nella nota, Algozzino sottolinea inoltre la sospensione di spettacoli di qualsiasi natura , sia in luoghi pubblici che privati, stabilita dal D.P.C.M. dell’8 marzo 2020, a tutela della salute pubblica.

“Se un comune cittadino viola il Decreto – commenta – viene giustamente multato: appaiono pertanto incomprensibili le ragioni in virtù delle quali la direzione di un carcere non debba rispondere nelle sedi opportune di mancanze gravissime come in questo caso”.

“La UILPA Polizia Penitenziaria – si legge a conclusione – chiede che sia disposta un’inchiesta per individuare le responsabilità di chi ha messo a repentaglio l’incolumità e il benessere del personale, trattato come carne da macello, e la sicurezza dei ristretti, riservandosi altre azioni in assenza di risposte immediate e concrete”.

Nei giorni scorsi, Algozzino aveva denunciato un fatto simile accaduto nel territorio catanese, presso l’Istituto Penale per Minorenni di Acireale, dove si è tenuta un’attività ricreativa – una degustazione a base di pizza per i detenuti – negli spazi teatrali della struttura: anche in questo caso, rischi gravissimi sia per il personale che per la popolazione carceraria.

 

Lascia un commento

Next Post

Coronavirus, Cdm sull’annullamento dell’ordinanza transito sullo Stretto

Mer Apr 8 , 2020
Sindaco De Luca: “Forzatura la richiesta del parere del Consiglio di Stato, Lamorgese è in aspettativa da Settembre scorso”  “Abbiamo appreso dalle agenzie di stampa che domani ci sarà la riunione del Consiglio dei Ministri a Palazzo Chigi ove verrà discussa la richiesta di annullamento della mia ordinanza che obbliga […]