Coronavirus e funzioni centrali, la Uilpa di Palermo diffida alcune amministrazioni.

Il Segretario generale Alfonso Farruggia: “inadempienti nella prevenzione del contagio”

Ministero dello Sviluppo Economico, Corte d’Appello, Tribunale e Tribunale di Sorveglianza : sono le funzioni centrali destinatarie di un atto di diffida da parte della UILPA di Palermo, che accusa i vertici cittadini delle amministrazioni di non avere osservato le disposizioni di legge finalizzate alla prevenzione del Covid – 19.

 

Nella nota, trasmessa dal segretario generale Alfonso Farruggia e indirizzata, tra gli altri, anche ai coordinatori nazionali della Uil Pubblica Amministrazione MISE e Giustizia, il sindacato accusa le realtà del comparto delle funzioni centrali alle quali la lettera è indirizzata, di non avere disposto tutte le misure per il ricorso al lavoro agile, previsto nel D.P.C.M. dell’11 marzo 2020 , anche in deroga.  

 

“Le prescrizioni emanate dal Governo Conte – afferma il segretario – impongono di assicurare l’attività ordinaria attraverso tutte le forme possibili di smart working con la sola eccezione del lavoro che, indifferibilmente, deve essere svolto in loco perché attiene alla funzionalità e alla gestione dell’emergenza stessa”.

 

“A Palermo – prosegue Farruggia – esistono , in questo momento storico di emergenza sanitaria, due tipologie di Amministrazioni: da un lato, quelle che si attengono scrupolosamente alle disposizioni governative e, dall’altro, quelle che nulla hanno fatto, ad oggi, per tutelare la salute e il benessere dei propri dipendenti”.

 

“Nell’ambito delle prime, il lavoro agile – spiega – che in alcuni uffici tocca percentuali vicine al 100%, ha registrato ottimi risultati; pertanto, al netto di specifiche esigenze, non si comprende la ragione della mancata attuazione”.

 

“Esistono esempi virtuosi di Amministrazioni – afferma l’esponente sindacale – che hanno scelto, anche ben prima dell’aggravarsi della diffusione del virus, di tutelare i dipendenti , sia civili che militari : è il caso del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti  –  nello specifico della Capitaneria di Porto- Guardia Costiera –   che ha  applicato il lavoro agile nelle forme possibili , ridimensionando del 50% la presenza del personale in servizio”.

 

Il tutto, grazie all’azione di RSU e segreterie territoriali che hanno sollecitato l’Amministrazione, nell’ambito di un incontro tenutosi alla presenza, tra gli altri, del segretario Farruggia e del controammiraglio Roberto Isidori .

 

 “Temiamo possano verificarsi casi di contagio – avverte l’esponente della Uil – negli uffici dove nulla si è fatto per limitare la presenza fisica dei lavoratori , pertanto chiediamo alle Amministrazioni inadempienti di provvedere immediatamente ad attenersi al Decreto: la UILPA considererà direttamente responsabili di un eventuale contagio i datori di lavoro che non hanno osservato la legge”.

 

“Ringrazio tutto il gruppo dirigente della UILPA  e le Amministrazioni che hanno manifestato sensibilità e rispetto per la salute e l’incolumità dei lavoratori – conclude il sindacalista – nell’auspicio che tutte le altre possano adeguarsi rapidamente”.

 

condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

COVID-19, il paradosso. M5S: "In Sicilia il call center che smista le chiamate sul Coronavirus metterebbe a rischio contagio i propri lavoratori"

Lun Mar 16 , 2020
“In Sicilia il call center che risponde al numero d’emergenza sul Coronavirus il 1500, opera con i lavoratori a rischio Coronavirus. Un paradosso inaccettabile confermato dalle notizie di cronaca che raccontano di un’operatrice del call center di via Cordova positiva al test sul COVID-19 e dalle denunce sindacati. L’azienda metta […]