CGA, respinta in appello la richiesta dei dirigenti contro la loro riduzione, Sindaco De Luca: “A Palazzo Zanca non comandano loro ma il Sindaco e la Giunta, risparmieremo oltre 3 milioni di euro”

 “Ci hanno fatto la guerra per aver ridotto il numero dei dirigenti da 23 a 9 ed aver accorpato i 20 dipartimenti in 8 dipartimenti.
Abbiamo ottenuto un risparmio di oltre 3 milioni di euro l’anno ed abbiamo riportato i dirigenti comunali nella dimensione di legge. Ora è stato confermato che non comandano loro a Palazzo Zanca, bensì il Sindaco e la Giunta Comunale,  che può stabilire anche di mandarli a casa per manifesta e conclamata incapacità o riottosità/insubordinazione”. A riferirlo è il Sindaco di Messina, on. Cateno De Luca.

“La guerra continuerà perché abbiamo modificato il sistema di retribuzione dei dirigenti comunali – continua il Primo Cittadino. Non costeranno più a fondo perduto, ovvero circa 150 mila euro l’anno cadauno ma appena la metà. Il resto se lo dovranno guadagnare con i risultati”.

“Faccio i complimenti al Segretario/dirigente generale – conclude il Sindaco peloritano – la quale è stata vessata dalla maggior parte dei dirigenti comunali per la correttezza degli atti amministrativi asseverati oggi anche dal Consiglio di Giustizia Amministrativa. Un messaggio per tali dirigenti: pensate a lavorare e studiare piuttosto che fare gli asini volanti”.

Lascia un commento

Next Post

Incarico a docente coinvolto in scandalo Concorsopoli (M5S): “Assurdo: lo si revochi subito”

Ven Gen 17 , 2020
Incarico a docente coinvolto in scandalo Concorsopoli M5S all’Ars: “Assurdo: lo si revochi subito”   “Apprendiamo da Repubblica che il presidente della Regione, Nello Musumeci, avrebbe affidato un incarico da 12mila euro per studiare i moti europei del 1820 a Giuseppe  Barone, il docente coinvolto nello scandalo Concorsopoli all’università di Catania. Ci […]