LEGGE DI STABILITÀ, ANCHE I PENSIONATI SICILIANI SI MOBILITANO PER SOLLECITARE L’APPROVAZIONE DEGLI EMENDAMENTI PRESENTATI DA SPI CGIL, FNP CISL E UILP UIL

Iniziative di sensibilizzazione nei territori, sit in dinanzi le Prefetture dell’isola e incontri con la gente per illustrare le rivendicazioni dei pensionati di Cgil, Cisl e Uil, che hanno avanzato al governo nazionale alcune proposte di emendamento da inserire nella legge di stabilità attualmente in discussione sia nell’esecutivo che al parlamento.

A programmarle, come si legge in una nota, sono i segretari generali di SPI Cgil, FNP Cisl e UILP Uil Sicilia Maurizio CalàAlfio Giulio e Antonino Toscano che, in una nota, annunciano una serie di appuntamenti nel territorio siciliano, finalizzati a sostenere le rivendicazioni della categoria, in linea con le rispettive segreterie nazionali.

In particolare, le proposte di emendamento riguardano una legge quadro sulla non autosufficienza, la rivalutazione delle pensioni e l’incremento del numero di pensionati beneficiari della quattordicesima mensilità.“Vogliamo – spiegano Calà, Giulio e Toscano – invitare i prefetti e le istituzioni a farsi portavoce delle nostre istanze e preoccupazioni, per dare voce ai pensionati italiani completamente assenti dall’attuale dibattito parlamentare”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

M5S: “Sei milioni per il Castello Utveggio, ma per farci cosa? Musumeci ci informi”

Ven Nov 29 , 2019
“Come sarà utilizzato il Castello Utveggio, una volta completati i lavori di riqualificazione da 6 milioni di euro finanziati dal governo regionale?”. Se lo chiedono Roberta Schillaci e Giampiero Trizzino, deputati regionali del Movimento 5 Stelle. Schillaci sul tema ha chiesto la convocazione, in commissione Cultura, del presidente della Regione […]