Filippo de Pisis – Inaugurazione Mostra al Museo del Novecento di Milano

Filippo Tibertelli de Pisis – «Amici di Milano» presenta

Inaugurata al Museo del Novecento di Milano MOSTRA – DE PISIS, UN PROTAGONISTA DELLA PITTURA ITALIANA

Il Museo del Novecento dedica un’ampia retrospettiva all’artista ferrarese Filippo Tibertelli de Pisis in arte Filippo de Pisis –  dal cognome recuperato da un avo con il quale l’artista iniziò più tardi a firmarsi  – una figura di grande rilievo del Novecento italiano e uno dei protagonisti dell’esperienza pittorica tra le due guerre.

Tra vedute urbane, nature morte e fantasie marine, oltre novanta dipinti tra i più “lirici” della sua produzione sono in esposizione a Milano fino a marzo 2020. La mostra, promossa e organizzata da Comune di Milano-Cultura e dalla casa editrice Electa con il sostegno dell’ «Associazione per Filippo de Pisis» presieduta dal nipote, omonimo dello zio paterno, è a cura di Pier Giovanni Castagnoli con Danka Giacon – conservatrice del Museo del Novecento.

E’ stata inaugurata dal sindaco di Milano Giuseppe Sala, dall’assessore alla Cultura del Comune Filippo Del Corno e dalla direttrice generale arte mostre e musei Electa.

Tra le personalità invitate, grandi appassionati di arte come Maurizio e Pia Corvi Mora, Manfredi e Elke Landi di Chiavenna, Josine Dufour Pareto Spinola, Alberico e Luisa Barbiano di Belgiojoso, Virgiliana Tibertelli de Pisis, Marco e Silvia Soresina, Giancarlo e Marina Robbi de Agostini, Ariberto Fassati di Balzola, Corrado Sforza Fogliani, Niccolo’. e Anna Maria Calvi di Bergolo, Elisabetta Galasso, Grazia Gianferrari, Roberto e Laura Pontremoli, il presidente di Assoedilizia e dell’ Associazione Amici di Milano Achille Colombo Clerici con la moglie Giovanna. Suddivisa in dieci sale, l’esposizione segue un andamento cronologico che introduce al visitatore l’universo di Filippo de Pisis (Ferrara, 1896 – Milano, 1956), a partire dagli esordi nel 1916 e dall’incontro con la pittura metafisica di de Chirico fino agli inizi degli anni Cinquanta, con il drammatico periodo del ricovero nella clinica psichiatrica di Villa Fiorita.

Le opere provengono dalle principali collezioni museali italiane, tra cui figurano la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara, il Museo delle Regole Mario Rimoldi di Cortina d’Ampezzo, la Galleria d’Arte Moderna di Torino, il Mart di Trento e Rovereto, Ca’ Pesaro di Venezia e la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma.

Pittore versatile, viaggiatore instancabile e poeta, de Pisis percorre il Novecento attraversando paesi e movimenti pittorici senza mai aderire unicamente a una singola corrente.

I continui viaggi tra Milano, Roma, Venezia, Parigi e Londra, hanno contribuito ad arricchire quella visione internazionale che renderà la sua prospettiva del tutto unica, ispirandone ricerca espressiva e plasmandone la pittura. Da “Le cipolle di Socrate” (1926) a “Soldatino francese” (1937), le opere in mostra al Museo del Novecento ripercorrono i temi cruciali della poetica dell’artista ferrarese.

L’enfasi viene posta sul talento versatile e sull’incredibile ricchezza dei soggetti, che spaziano dai suggestivi paesaggi montani alla ritrattistica più dettagliata, in grado di cogliere con grande vivacità la personalità della figura descritta – senza sottovalutare le affascinanti composizioni di nature morte e le ampie vedute urbane.

Da primavera 2020 l’esposizione sarà ospitata al Museo Nazionale Romano di Palazzo Altemps in linea con il programma dedicato all’arte del Novecento italiano. Le mostre saranno accompagnate da un unico catalogo edito da Electa.

 

 

Lascia un commento

Next Post

Canale di Sicilia, Milazzo (FI-PPE) Tardino (Lega-ID) e Stancanelli (FdI-ECR) chiedono al Governo di intervenire a tutela delle marinerie siciliane

Ven Ott 4 , 2019
“Occorre azione politica concreta, oltre gli schemi di partito, sostenuta dai componenti siciliani della Commissione Pesca” Bruxelles, 04/10/2019: “Oggi abbiamo scritto alla Ministra Terranova e al Sottosegretario L’Abbate, al fine di rappresentare la situazione di estrema difficoltà in cui versano le attività di pesca nel Canale di Sicilia”. Così in […]