Arena Bagnasco: “Il secondo Tragico Fantozzi” il prossimo immancabile appuntamento del giovedì

Arena Bagnasco: “Il secondo Tragico Fantozzi” il prossimo immancabile appuntamento del giovedì per vivere il grande cinema all’aperto in pieno centro cittadino

Chi non l’ha amato, facendo proprie le sue disgrazie e pensando che avrebbe dovuto ribellarsi a tutte le angherie e soprusi rivolti alla sua persona?

Disavventure, quelle del ragioniere Fantozzi, rimaste impresse nella nostra mente grazie a film cult come “Il Secondo Tragico Fantozzi” (Italia 1976, 105 minuti), che l’Arena Bagnasco proporrà alle 22 di giovedì 12 settembre. Un’iniziativa promossa dall’associazione “Piazzetta Bagnasco” e sostenuta da Cappadonia Gelati e Antiruggine Pub.

 

Rimasta impressa nella nostra mente la famosa scalinata de “La corazzata Potëmkin, film preferito dal capo del ragioniere Fantozzi, la cui scena sarà costretto a rivivere per più di una volta.

Scritto da Paolo Villaggio con Luciano Salce – che ne ha curato anche la regia – “Il Secondo Tragico Fantozzi” è veramente una pietra miliare della storia del cinema. Assicurato, quindi, il divertimento.

 

La visione del film avverrà accomodati su sedie da regista, indossando cuffie wireless in modo da non disturbare residenti e passanti e non essere, viceversa, distolti dall’ascolto.

Per assistervi, sarà richiesto un contributo di € 5,00 per l’uso della cuffia, della sedia e per la SIAE. Necessario, inoltre, lasciare un documento d’identità a garanzia della cuffia wireless. Ulteriori info e aggiornamenti su tutti gli eventi in programma si potranno trovare sulla pagina Facebook dell’associazione “Piazzetta Bagnasco”. Si può anche prenotare il proprio posto in platea, chiamando al cell. 334.7831926.

 

Palermo, 11 settembre 2019

Lascia un commento

Next Post

M5S: Ars, un vergognoso gioco dell’oca: sei mesi di paralisi e oggi siamo al punto di partenza

Mer Set 11 , 2019
Di Caro, Schillaci e Di Paola: “Commissioni e aula incastrate a lungo nel labirinto dei collegati. Dopo la pausa estiva tutto si rimescola e ieri salta fuori il maxi-emendamento che, al netto dei pochi articoli salva-lavoro, è pieno di misure di respiro clientelare e non ha certezze sulla copertura finanziaria. […]