Bellolampo: mazzette e rifiuti, la Dia arresta tre persone

Con le mazzette a Bellolampo
Arrestati imprenditori e direttore
PALERMO – Sono stati sorpresi in flagranza di reato mentre avrebbero pagato e intascato mazzette. Gli agenti della Dia hanno arrestato per corruzione aggravata due imprenditori e il direttore tecnico della discarica palermitana di Bellolampo.


Si tratta di Emanuele Gaetano Caruso, 53 anni, originario di Paternò, imprenditore con interessi nel settore dei rifiuti; Daniela Pisasale, 45 anni di Siracusa, ma residente a Catania, titolare di diverse società operanti nel campo del trattamento e dello smaltimento dei rifiuti (rappresentante della Realizzazioni e Montaggi srl ed amministratore unico della Ecoambiente Italia srl entrambe con sede a Siracusa).


Il terzo arrestato è Vincenzo Bonanno, 62 anni di Palermo, residente a Carini, direttore tecnico della discarica di Bellolampo, definita dalla commissione antimafia regionale “simbolo della crisi rifiuti in Sicilia”. Sono anni che si indaga sulla gestione della discarica, dall’inquinamento ai ritardi nella costruzione della settima vasca.

LA BUSTA CON I CONTANTI

La discarica è gestita da Rap, società partecipata del comune di Palermo, che si occupa della lavorazione dei rifiuti solidi urbani del capoluogo e Ustica. Gli agenti della Direzione investigativa antimafia e del II Reparto investigazioni giudiziarie, coordinati dal procuratore aggiunto Paolo
Guido e dai sostituti Gianluca De Leo e Claudia Ferrari, pedinavano gli indagati da giorni. Ieri sono intervenuti nei pressi della discarica mentre Caruso consegnava a Bonanno una busta con cinquemila euro in contanti. Altri 13.250 euro sono stati trovati dentro una macchina. I soldi sono stati sequestrati.

I GROSSI NOMI DEI RIFIUTI IN SICILIA

“L’operazione rientra in una più ampia indagine, condotta dalla Dia – spiegano gli investigatori – con il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia, diretta ad esplorare i concreti interessi della criminalità organizzata di stampo mafioso nel ciclo dei rifiuti”.

Non sono ancora chiari i contorni dell’indagine, ma è un blitz destinato a fare discutere per lo spessore dei personaggi coinvolti. A cominciare dagli imprenditori. Pisasale e il marito Enrico Caruso hanno ottenuto dalla Regione il via libera alla costruzione nella Piana di Catania, a poca distanza dall’Oasi del Simeto, del più grande impianto di compostaggio della Sicilia.

Fonte: Live Sicilia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Dl agosto, la bozza: altri 400 euro a famiglie in difficoltà

Ven Ago 7 , 2020
La nuova bozza del dl Agosto atteso nelle prossime ore in Consiglio dei ministri, è di 103 articoli, 12 in più rispetto alla precedente. Tra le nuove norme previste dal decreto spunta la cassa integrazione per i lavoratori di AirItaly. Previsti anche ulteriori 400 euro di Reddito di emergenza per […]