Palermo: operazione antimafia della Guardia di Finanza, arrestate 28 persone

Mafia, arrestate 28 persone
In carcere il “cassiere dei boss”

Operazione del Nucleo speciale di Polizia valutaria della guardia di finanza

PALERMO – Da Porta nuova a Resuttana. Gli affari legano i mandamenti mafiosi. A gestirne una grossa fetta sarebbe stato Giuseppe Corona. Il suo nome apre l’elenco degli arrestati nel blitz dei finanzieri del Nucleo speciale di polizia valutaria, coordinato dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo. Ventotto le persone coinvolte, fra carcere e domiciliari, una ventina quelle raggiunge da una misura cautelare alternativa. È un’inchiesta che punta alla cassa dei clan mafiosi quella coordinata dal procuratore Francesco Lo Voi, dall’aggiunto Salvatore De Luca e dai sostituti Roberto Tartaglia, Amelia Luise, Annamaria Picozzi e Siro De Flammineis. I finanzieri guidati dal tenente colonnello Saverio Angiulli, hanno notificato un’ordinanza di arresti domiciliari firmata dal Gip Antonella Consiglio anche all’avvocato Nico Riccobene, già indagato nei mesi scorsi.

Giuseppe Corona

Montagne di soldi, accumulati soprattutto con la droga, vengono riciclati investendoli in nuove attività commerciali.  Nelle recenti informative antimafia il nome di Corona era emerso a più riprese. Suo padre fu ucciso per contrasti interni alla cosche mentre. Lui è stato condannato da giovane per avere ammazzato un coetaneo al culmine di una banale lite per un braccialetto. In carcere Corona c’è rimasto per quasi diciassette anni fino al 2011. Quando è uscito ha cominciato a fare investimenti in bar, centri scommesse e tabaccherie.

È stato descritto come l’uomo degli affari del potentato mafioso dei Madonia. Uno “che ha i soldi” e che non li ha fatti mai mancare alla gente che conta. Come Gregorio Palazzotto, oggi detenuto, pezzo grosso all’Acquasanta fino al suo arresto nel blitz Apocalisse. C’è una conversazione in carcere che confermerebbe la stima, e non solo, di cui godeva Corona. Quando andarono a chiedere il pizzo a “Giuseppe… Corona… questo è quello del tabacchino della via Sampolo…”, Gregorio Palazzoto tagliò corto: “…lascia perdere…quello mio fratello è… quello con noi altri è… quello appartiene a noi altri…”. Lo stesso Palazzotto che chiedeva alla compagna: “… ma mio fratello si è fatto vedere?…”. “…sempre… la frutta, le cose… l’unico… l’unico…”, rispondeva la donna. Il pentito Giovanni Vitale, deponendo al processo ” Apocalisse”, ha detto che a Corona è anche affidato il controllo delle scommesse all’Ippodromo dopo che Giovanni Niosi era stato messo da parte.

Corona è il personaggio principale del blitz che raggiunge altre decine di persone che si sono occupate di pizzo e droga. Eseguiti numeri sequestri di negozi e immobili.

Fonte:  Live Sicilia
Il Circolaccio

Lascia un commento

Next Post

Sanità: l'assessore Razza , presenta la nuova rete ospedaliera con l'avallo della commissione. Castelvetrano declassato, Trapani , Marsala e Mazara del Vallo potenziati

Lun Lug 16 , 2018
Approvata dalla giunta di governo la nuova rete ospedaliera, Razza: “Bozza condivisa con le parti, ora Commissione e Ministero” Castelvetrano sempre più la cenerentola della Sicilia. L’ospedale di Mazara del Vallo, struttura di riferimento del Belice   Che fine hanno fatto le promesse dell’ex assessore Gucciardi? Vorremmo tanto sapere se […]