Rifiuti: gli affari d’oro a Siculiana della discarica degli amici di Crocetta

Discariche colme e tariffe a peso d’oro
il business dei rifiuti che la stampa di sinistra nasconde

Chi sono i signori dell’immondizia che nel frattempo, in ragione delle simpatie regionali,  fanno affari d’oro?

Il primo della lista è l’ex presidente di Confindustria,  Catanzaro coinvolto insieme a Crocetta nell’inchiesta Montante

La cifra più elevata di abbancamento, per 2,9 milioni di metri cubi, è stata autorizzata alla discarica di Siculiana, gestita da Catanzaro, che fa pagare una delle tariffe più alte a metro cubo. Negli del governo Crocetta il fatturato della discarica del sig. Catanzaro è cresciuto del 400% 

Nel 2013 fatturava 200 milioni  di euro circa all’anno

Al secondo posto per abbancamento autorizzato (1,8 milioni di mc) c’è la discarica di Motta Sant’Anastasia nel Catanese: qui, con una tariffa da 102 euro a metro cubo si parla di un giro di affari pari a 185 milioni

Mentre le discariche pubbliche venivano chiuse, quelle private ingrassavano

L’emergenza rifiuti per loro è stata una fortuna. 

Questi sono dati ufficiali.

Nonostante le denunce dell’ex assessore Marino nel 2014, la magistratura siciliana ha cominciato ad indagare solo da qualche mese

Quindi, discariche chiuse, termovalorizzatori a rischio mafia e gli amici di Crocetta gonfiavano le tasche di centinaia di milioni di euro

Come risulta evidente, tutto questo sfascio è colpa solo dei cittadini

I privati insomma gestiscono le discariche più importanti e hanno avuto approvati negli anni maggiori quantità di conferimento rispetto a quelle pubbliche, quasi tutte in via di esaurimento. Il risultato? Visto ad esempio che la discarica di Trapani è quasi satura, in  Sicilia viaggeranno ancora  camion carichi di spazzatura con costi paurosi. Come viaggiano adesso botti cariche di percolato dirette a Lamezia Terme, perché nelle discariche non sono stati fatti impianti di smaltimento di questo liquido inquinate. E i privati fanno affari d’oro. E la mafia sta a guardare

ll Circolaccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Palermo: scatta il sequestro per tre dirigenti regionali per indennità non dovute

Mer Giu 20 , 2018
“Indennità aggiuntive non dovute” Sequestro a tre dirigenti regionali Provvedimento da 150mila euro. Nel mirino Foti, Galati e Lo Monaco: indagati per peculato La guardia di finanza ha eseguito un provvedimento emesso dal gip che dispone il sequestro di 150mila euro nei confronti di Calogero Foti, dirigente della Protezione Civile Regionale, Gianluca […]