Giustizia: Lo Stato deve risarcire l’imprenditore Onorio per ingiusta detenzione

Palermo, due anni di ingiusta detenzione: risarcimento da 176mila euro

L’ex sponsor della folgore a capo di una nota azienda di pasticceria ottiene giustizia dopo anni di carcere e vari processi per mafia.

Quando la giustizia distrugge la vita delle persone e a pagare sono  solo i cittadini

 

Un risarcimento per «ingiusta detenzione» da 176 mila euro. L’ha disposto la quarta sezione penale della
Corte d’appello di Palermo in favore di Vincenzo Salvatore Onorio, 63 anni, di Gibellina – in provincia di Trapani – che il 16 febbraio 2010 venne arrestato dai carabinieri nell’operazione «Nerone» con le accuse di associazione mafiosa e tentata estorsione. Rimase in carcere per due anni e 11 giorni (fino al 27 febbraio 2012). In primo grado, nel luglio 2012, il tribunale di Marsala lo assolse dall’accusa di associazione mafiosa, condannandolo a quattro anni di carcere per tentata estorsione. In secondo grado, però, nel marzo 2015, la Corte d’appello di Palermo lo condannò anche per mafia. La pena complessiva era di 12 anni di reclusione. Un pentito sosteneva che Onorio, produttore caseario, appartenesse al clan capeggiato dal boss Matteo Messina Denaro.Il 14 luglio 2015, la Cassazione ha annullato (senza rinvio) la sentenza di secondo grado, riqualificando la tentata estorsione in «esercizio arbitrario delle proprie ragioni», un reato che prevede solo una pena pecuniaria ed è punibile a querela di parte. Dal momento che la parte offesa non ha mai sporto querela, l’assoluzione è diventata definitiva. A difendere Vincenzo Salvatore Onorio, assistendolo anche nella causa per il risarcimento dell’ingiusta detenzione (la richiesta è stata di 500 mila euro), sono stati gli avvocati Marcello Montalbano e Nino Caleca.

Fonte : Il Messaggero

Il Circolaccio

Lascia un commento

Next Post

Primo Maggio: festa del lavoro, ma c’è poco da festeggiare!

Mar Mag 1 , 2018
Il lavoro dovrebbe essere un diritto garantito dalla Costituzione Oggi il nostro pensiero va a tutti coloro che hanno perso il lavoro e non riescono a reinserirsi; a tutti i precari che non sanno che fine faranno; a chi pur di lavorare accetta condizioni disumane e con stipendi da fame, […]