Palermo: Lo Stato trattò con l a mafia , arriva la sentenza che apre tanti dubbi

Trattativa Stato-Mafia, sentenza storica: Mori e Dell’Utri condannati a 12 anni. Di Matteo: “Ex senatore cinghia di trasmissione tra Cosa nostra e Berlusconi”

Una sentenza che apre altri interrogativi. Il ruolo di Napolitano e di altri vertici politici potenti del tempo

Una sentenza che non esplicita “apertis verbis” il ruolo di Napolitano del PCI

I ROS non potevano trattare con i mafiosi senza l’avallo del ministro  dell’interno e del presidente del Consiglio dell’epoca.  Se è così è stato chi decise di avviare q

Ai vertici del Ros inflitta la stessa pena del fondatore di Forza Italia. Otto anni a De Donno, ventotto a Bagarella, dodici a Cinà: sono stati tutti riconosciuti colpevoli di violenza o minaccia a un corpo politico dello Stato. Prescritto Brusca, assolto Mancino per falsa testimonianza. Otto anni a Ciancimino per calunnia a De Gennaro. Il pm: “Mentre i giudici saltavano in aria qualcuno nelle Istituzioni aiutava i boss a ottenere i risultati chiesti da Riina”

 

Sette minuti e cinquanta secondi. Tanto ci ha impiegato il giudice Alfredo Montalto per dire che non solo la Trattativa tra Cosa nostra e pezzi dello Stato c’è stata, ma che ad averla fatta sono stati i boss mafiosi, tre alti ufficiali dei carabinieri e il fondatore di Forza Italia. Mentre la piovra assassinava magistrati come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, inermi cittadini nelle stragi di Firenze e Milano, uomini delle istituzioni hanno cercato un contatto: sono diventati il canale che ha condotto fino al cuore dello Stato la minaccia violenta dei corleonesi. Che alla fine hanno ottenuto un riconoscimento grazie a Marcello Dell’Utri, uomo cerniera di Cosa nostra quando s’insedia il primo governo di Silvio Berlusconi.

È una sentenza che riscrive la storia della fine della Prima Repubblica e l’inizio della Seconda quella emessa dalla Corte di Assise di Palermo. E che il sostituto procuratore Nino Di Matteo, unico pm titolare dell’inchiesta sin dall’inizio, spiega così: “Dell’Utri ha fatto da cinghia di trasmissione tra le richieste di Cosa nostra e l’allora governo Berlusconi che si era da poco insediato. E il rapporto non si ferma al Berlusconi imprenditore ma arriva al Berlusconi politico“. Parole per le quali Forza Italia annuncia di querelare il magistrato della Direzione nazionale antimafia. 

Lascia un commento

Next Post

La sentenza di Palermo. C’era una volta il Diritto. Sul web si scatena la polemica

Dom Apr 22 , 2018
  Alberto Cicognani,  Tenente Colonnello dei Carabinieri in comando ad Olbia, molto conosciuto anche a Castelvetrano per la sua meritevole opera svolta negli anni tra il 2006 al 2009, pubblica un post che  fa riflettere. Da uomo  e da Carabiniere stimato e serio si dice “amareggiato” per la sentenza di  […]